In evidenza

Tra le novità del nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza rientrano i benefici penali agli imprenditori che si attivano nel segnalare la crisi per mitigare l’insolvenza

Il Consiglio dei Ministri, nell’ultima riunione, ha approvato in esame preliminare un decreto legislativo che introduce il nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza. Il provvedimento, in attuazione della legge n.155/2017, ha l’obiettivo di riformare in modo organico la disciplina delle procedure concorsuali. Due, nello specifico, le finalità. Da un lato consentire una diagnosi precoce dello stato di difficoltà delle imprese. Dall’altro salvaguardare la capacità imprenditoriale di coloro che vanno incontro a un fallimento di impresa dovuto a particolari contingenze.

Il testo prevede, tra l’altro, la sostituzione del termine fallimento con l’espressione “liquidazione giudiziale” in conformità a quanto avviene in altri Paesi europei. Ciò – chiarisce una nota di Palazzo Chigi – per evitare il discredito sociale anche personale che anche storicamente si accompagna alla parola “fallito”.

Il decreto stabilisce poi che si dia priorità di trattazione alle proposte che comportino il superamento della crisi assicurando continuità aziendale. Inoltre, si uniforma e si semplifica la disciplina dei diversi riti speciali previsti dalle disposizioni in materia concorsuale. Prevista anche la riduzione della durata e dei costi delle procedure concorsuali.

Tra le principali novità rientrano i benefici penali concessi agli imprenditori che si attivano nel segnalare la crisi per mitigare l’insolvenza e risolvere la situazione. Ciò sia in caso di bancarotta semplice che fraudolenta.

L’art. 324 del decreto indica i casi in cui non si applicano le disposizioni relative ai reati di bancarotta.

Tra questi figurano, ad esempio, i pagamenti e le operazioni compiuti in esecuzione di un concordato preventivo o di un accordo di ristrutturazione dei debiti. Dunque, l’imprenditore beneficia di una causa di non punibilità se presenta tempestivamente istanza per accedere alle procedure per scongiurare la crisi e se il danno è di speciale tenuità.

Il Decreto, infine, istituisce presso il Ministero della giustizia un albo dei soggetti destinati a svolgere su incarico del tribunale funzioni di gestione o di controllo nell’ambito di procedure concorsuali. Il tutto con l’indicazione dei requisiti di professionalità esperienza e indipendenza necessari all’iscrizione.

 

Leggi anche:

RIFORMA DEL FALLIMENTO: ECCO TUTTE LE NOVITÀ INTRODOTTE

novembre 11, 2018

Crisi di impresa e dell’insolvenza, ok dal Governo al nuovo Codice

Tra le novità del nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza rientrano i benefici penali agli imprenditori che si attivano nel segnalare la crisi per […]
novembre 11, 2018

Errata indagine prenatale, riconosciuto il danno morale

Accolta la pretesa risarcitoria di una famiglia per i danni derivanti da una errata indagine prenatale effettuata presso una clinica romana Avevano citato in giudizio un […]
novembre 11, 2018

Paziente intubata e sommersa dalle formiche in ospedale di Napoli

Aperta un’inchiesta interna per accertare eventuali responsabilità di omessa sorveglianza o di imperizia nelle operazioni di assistenza della paziente intubata Immagini shock dal Reparto di medicina […]
novembre 10, 2018

Pratiche legali, creditore non tenuto a provare il mancato pagamento

Respinto il ricorso di un cliente citato in giudizio dai suoi legali per il mancato compenso relativo ad alcune pratiche legali Chiedevano la liquidazione di competenze […]