In evidenza

Gli indagati non avrebbero saputo valutare adeguatamente la situazione clinica di una donna di 76 anni, morta per una emorragia intestinale nel 2014

Omicidio colposo in concorso. Questo il capo di imputazione con cui due operatori del 118 sono stati rinviati a giudizio a Bolzano. Si tratta, nello specifico, del centralinista del servizio di emergenza sanitaria e del leader dell’equipaggio dell’ambulanza, composto da due volontari. Il Gip ha infatti ravvisato profili di responsabilità nel decesso di una donna di 76 anni, morta per una emorragia intestinale.

Il fatto risale a quattro anni fa. Secondo quanto riportato dall’Alto Adige l’anziana, che seguiva una cura con farmaci anticoagulanti, lamentava un persistente mal di stomaco ed evidenziando diarrea nera. La figlia si era rivolta al medico di base temendo una emorragia. Il camice bianco, pur non visitando la paziente, avrebbe ipotizzato una influenza intestinale.

Due giorni dopo, però, visto l’aggravarsi della situazione, la figlia si era rivolta al medico di guardia. Questi le aveva consigliato di chiedere l’intervento di un’ambulanza per trasportare l’anziana urgentemente in ospedale. La centralinista del servizio di emergenza urgenza attribuì al caso un codice giallo inviando un mezzo a casa della paziente.

Il capo dell’equipaggio, tuttavia, a quel punto avrebbe effettuato delle valutazioni sanitarie che non gli competevano.

L’operatore avrebbe infatti rassicurato i familiari dell’anziana diagnosticando nuovamente una influenza intestinale e omettendo di trasportare la donna in ospedale. Il giorno successivo la signora morì.

La figlia aveva quindi presentato un esposto. A conclusione degli accertamenti, la Procura aveva chiesto l’archiviazione del caso. Il Giudice per le indagini preliminari, tuttavia, aveva respinto la richiesta disponendo l’imputazione coatta nei confronti dei due indagati.

Secondo l’ipotesi accusatoria, quindi, i due operatori non avrebbero saputo considerare adeguatamente la situazione clinica in cui si sarebbe trovata la paziente. Il tutto nonostante una valutazione clinica allarmante del medico di guardia. Gli imputati, a loro volta, sostengono di non essere stati informati adeguatamente della valutazione fatta in precedenza dal medico d’urgenza.

 

Credi di essere vittima di un caso simile? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o invia un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

 

 

Leggi anche:

METADONE SOMMINISTRATO PER ERRORE: DUE INFERMIERE A PROCESSO

novembre 2, 2018

Morta per una emorragia intestinale, a giudizio due operatori del 118

Gli indagati non avrebbero saputo valutare adeguatamente la situazione clinica di una donna di 76 anni, morta per una emorragia intestinale nel 2014 Omicidio colposo in […]
novembre 2, 2018

Mancata notifica della multa, atto valido senza vizi propri

Superato l’orientamento giurisprudenziale in base al quale dalla mancata notifica del verbale deriva l’illegittimità dell’emissione della cartella “In materia di opposizione a sanzioni amministrative, è inammissibile […]
novembre 2, 2018

Pubblicità commerciale in sanità, proposta di legge per vietarla

L’iniziativa trova impulso dall’Ordine dei medici di Milano che già prevede per i propri iscritti il divieto di pubblicità commerciale in ambito sanitario Parte dall’Ordine dei […]
novembre 2, 2018

Impianto idrico condominiale, chi è responsabile in caso di danni?

Accolto il ricorso di un Condominio condannato quale responsabile per i danni a un appartamento causati da una perdita dell’ impianto idrico “La presunzione di condominio […]