In evidenza

L’accusa, per la guardia medica assolta, era di omicidio colposo per la morte di un uomo del quale, secondo il pm, aveva trascurato i sintomi

Per la guardia medica assolta dall’accusa di omicidio colposo era stata chiesta una condanna a un anno di reclusione, ma le porte del carcere non si sono aperte per la dottoressa, in quanto per i giudici “il fatto non sussiste”.

Così ha stabilito infatti il gup del tribunale di Aosta, Davide Paladino, che ha assolto dall’accusa di omicidio colposo una dottoressa a processo per la morte di Ivo D’Herin, comandante della stazione del Corpo forestale di Brusson, in Val d’Aosta, colpito da un infarto miocardico massivo il 19 marzo 2015.

Per la morte dell’uomo, l’avvocato generale dello Stato, Giorgio Vitari, aveva chiesto la condanna a un anno di reclusione.
Ma ecco i fatti contestati. A seguito di una gita di scialpinismo, il 13 marzo 2015, Ivo D’Herin aveva accusato dei forti dolori a torace, spalle e ascelle. La sera stessa la dottoressa – che all’epoca dei fatti svolgeva l’attività di medico di continuità assistenziale di Brusson – lo aveva visitato. Secondo il pm però, ne aveva trascurato i sintomi, prescrivendo solo della tachipirina e supponendo un colpo di freddo.

Il paziente, sei giorni dopo, si sentì male e morì a Challand-Saint-Anselme, durante il trasporto in ospedale. Per l’avvocato difensore, Corrado Bellora, non vi era però la certezza che al momento della visita l’infarto – datato dall’anatomopatologo tra cinque e dieci giorni prima della morte – fosse già in corso.

Oltre a questo, l’avvocato difensore ha evidenziato che la guardia medica assolta non era – all’epoca dei fatti – un medico di Pronto soccorso, e che quindi aveva agito sulla base degli strumenti di cui era dotata, invitando comunque D’Herin a sottoporsi a visite più approfondite.
“Ritengo che sia una sentenza molto importante – ha dichiarato l’avvocato Bellora – perché ribadisce la correttezza dell’operato di questo medico e la tragica fatalità che si è verificata”, L’azienda Usl della Val d’Aosta, tramite la sua assicurazione, ha quindi risarcito i familiari di D’Herin.

 

 
LEGGI ANCHE:

DIAGNOSI NON ESAUSTIVA, MEDICO ASSOLTO DA ACCUSA DI OMICIDIO COLPOSO

MALTRATTAMENTI NELLA RESIDENZA PER ANZIANI, TUTTI ASSOLTI IN APPELLO

 

luglio 26, 2017

Guardia medica assolta, era accusata di omicidio colposo

L’accusa, per la guardia medica assolta, era di omicidio colposo per la morte di un uomo del quale, secondo il pm, aveva trascurato i sintomi Per […]
luglio 26, 2017

Scarso rendimento del lavoratore disabile, legittimo il licenziamento?

La Corte di Cassazione si è espressa in merito alla possibilità di licenziamento per scarso rendimento del lavoratore disabile È possibile disporre il licenziamento per scarso […]
luglio 26, 2017

Aggressione in ospedale. Sputa e rompe il naso al dottore

Si è verificata l’ennesima aggressione in ospedale, questa volta a danni di un medico picchiato dal cugino di un paziente Arrestato con l’accusa di lesioni personali, si […]
luglio 26, 2017

Equipe e responsabilità medica, quanto conta la condotta del singolo?

La Cassazione si è espressa in merito a equipe e responsabilità medica e all’importanza della condotta di ogni singolo membro durante un intervento Una sentenza della […]