In evidenza

Una indagine Istat sul diabete in aumento ha rilevato un incremento di casi nel Sud d’Italia ma, contestualmente, un calo della mortalità del 20%

Secondo l’ultimo rapporto dell’Istat, il diabete in aumento desta molte preoccupazioni soprattutto al Sud Italia, fermo restando che  i casi di questa patologia sono comunque raddoppiati negli ultimi trent’anni e l’aumento del diabete desta preoccupazioni soprattutto al Sud.

Solo rispetto al 2000 i diabetici sono un milione in più, un dato dovuto sia all’invecchiamento della popolazione che ad altri fattori. Tra questi, vi è sicuramente l’anticipazione delle diagnosi, in grado di evidenziare casi prima sconosciuti e l’aumento della sopravvivenza dei malati di diabete con una forte diminuzione della mortalità negli ultimi dieci anni.

Nel 2016 sono oltre 3 milioni 200 mila in Italia le persone che hanno dichiarato di essere affette da diabete, il 5,3% dell’intera popolazione (16,5% fra le persone di 65 anni e oltre).

Nell’ultimo decennio, però, la mortalità a causa di questa patologia si è ridotta di oltre il 20% in tutte le classi di età. Sempre dal rapporto Istat sul diabete in aumento è stato possibile constatare come, nelle coorti di nascita più recente, la quota di diabetici aumenta più precocemente che nelle generazioni precedenti, a conferma anche di una progressiva anticipazione dell’età in cui si diagnostica la malattia.

Tra i dati importanti da sottolineare, vi è il fatto che la patologia è fortemente associata allo svantaggio socioeconomico. Le disuguaglianze maggiori sono riscontrabili fra le donne in tutte le classi di età: le diabetiche di 65-74 anni con laurea o diploma sono il 6,8%, le coetanee con al massimo la licenza media il 13,8% (i maschi della stessa classe di età sono rispettivamente il 13,2 e il 16,4%).

Per quanto concerne lo svantaggio socioeconomico, questo si conferma anche nella mortalità ed è più evidente nelle donne, al contrario di quanto si osserva per le altre cause di morte: le donne con titolo di studio basso hanno un rischio di morte 2,3 volte più elevato delle laureate.

L’aumento del diabete si registra inoltre nelle regioni del Mezzogiorno dove è più diffuso e il tasso di prevalenza standardizzato per età è pari al 5,8% contro il 4,0% del Nord. Anche per la mortalità il Mezzogiorno presenta livelli sensibilmente più elevati per entrambi i sessi.

Tra i fattori di rischio per la salute in generale, sedentarietà e obesità giocano un ruolo chiave, ma è ormai appurato con certezza che questi sono decisivi per lo sviluppo della patologia diabetica. Tra i 45-64enni la percentuale di persone obese che soffrono di diabete è infatti al 28,9% per gli uomini e al 32,8% per le donne (per i non diabetici rispettivamente 13,0% e 9,5%).

Nella stessa classe di età il 47,5% degli uomini e il 64,2% delle donne con diabete non praticano alcuna attività fisica leggera nel tempo libero.

 

LEGGI ANCHE:

DIABETE: UNO “TSUNAMI ECONOMICO” ANCORA SOTTOVALUTATO

DIABETE, IN INDIVIDUI IMMUNI SI CERCA IL SEGRETO PER SCONFIGGERLO

 

 

 

luglio 21, 2017

Diabete in aumento, per l’Istat in Italia 3,2 milioni di malati

Una indagine Istat sul diabete in aumento ha rilevato un incremento di casi nel Sud d’Italia ma, contestualmente, un calo della mortalità del 20% Secondo l’ultimo […]
luglio 21, 2017

Un alluce valgo operato male per 20 mila euro di risarcimento

Un intervento di alluce valgo non riuscito ha causato un danno maggiore alla nostra assistita, che ha però ottenuto 20 mila euro di risarcimento La sig.ra […]
luglio 21, 2017

Pericoli estivi della balneazione: meduse, alghe e batteri

Ecco tutti i pericoli estivi della balneazione che possiamo incontrare nelle località balneari durante le nostre vacanze Vacanze al mare? Fate attenzione ai pericoli estivi della […]
luglio 21, 2017

Cartellino timbrato per gli assenti: 5 medici indagati

Cartellino timbrato per gli assenti: a Capri indagati 5 medici e 2 ostetriche, accusate degli stessi reati Operazione anti assenteismo scattata all’ospedale Capilupi di Capri, dove medici […]