In evidenza

“L’ennesimo episodio di aggressione a danno di lavoratori della sanità, questa volta a Palermo, conferma l’urgenza di una legge antiviolenza”


Lo ha scritto ieri la Ministra Giulia Grillo sulla propria pagina Facebook, dopo aver appreso la notizia,  riportata dal giornale La Sicilia, di una aggressione ai danni di un medico radiologo e di un tecnico di radiologia, nei locali di radiologia dell’Ospedale Villa Sofia di Palermo.


“Basta Far West, – ha aggiunto il Ministro della
Salute –  le corsie e gli ambulatori sono
patrimonio di tutti i cittadini così come chi vi opera ogni giorno. Chi sta
bloccando il Paese e il lavoro del Parlamento si assume anche la responsabilità
di fermare questa importante legge di civiltà”.


A denunciare l’episodio è stato Giuseppe Bonsignore, segretario aziendale del sindacato Cimo: «insulti e strattoni da un vero e proprio esercito di parenti inferociti di un paziente che stava per eseguire un esame».


“Insulti e strattoni”


L’uomo – da quanto si
apprende dalle dichiarazioni di Bonsigore, riportate sul quotidiano Ansa – “era
già stato accolto presso la struttura e il tecnico di radiologia in servizio
stava compilando il questionario relativo alla sicurezza del paziente stesso,
chiedendo alla moglie eventuali controindicazioni alla esecuzione dell’esame,
potenzialmente molto pericolosi e quindi ineludibili”.


La procedura, di per sé rapida,
sarebbe stata però, interrotta, allorché alcuni parenti del paziente qualificatisi
come suoi figli, avrebbero cominciato ad inveire contro l’operatore sanitario,
reputando una perdita di tempo la raccolta dei dati che stava eseguendo.


“Agli insulti  – ha aggiunto il segretario Cimo – sono
seguiti gli spintoni, anche nei confronti del medico intervenuto per sedare gli
animi, e successivamente lo sfondamento della porta in vetro di accesso alla
sala di risonanza magnetica che è stata divelta per introdurre a forza e
pericolosamente la barella in metallo”. Solo l’arrivo dei carabinieri,
chiamati dal personale in servizio, è riuscito “a riportare la situazione
quasi alla normalità e, come sempre accade in questi casi, gli autori
dell’aggressione si sono dileguati”.



Leggi anche:


VIOLENZA CONTRO MEDICI, UNO SU DUE VITTIMA DI AGGRESSIONI VERBALI

agosto 20, 2019

Ennesima aggressione ai medici: necessaria legge antiviolenza

“L’ennesimo episodio di aggressione a danno di lavoratori della sanità, questa volta a Palermo, conferma l’urgenza di una legge antiviolenza” Lo ha scritto ieri la Ministra […]
agosto 20, 2019

Taranto, intervento di embolizzazione salva 17enne colpito da aneurisma

Un intervento di embolizzazione, eseguito al Santissima Annunziata di Taranto, ha salvato la vita a un giovane 17enne, colpito da aneurisma celebrale la notte del 14 […]
agosto 19, 2019

Mari inquinati: aumenta la concentrazione di metilmercurio nei pesci

Riscaldamento globale e pesca eccessiva sarebbero la causa dell’aumento esponenziale dei livelli di mercurio in merluzzi e tonni Uno studio condotto da alcuni scienziati della Harvard University e […]
agosto 19, 2019

Formazione in medicina post laurea: il Ministro annuncia la Riforma

Assunzioni ferme dal 2009, a breve la riforma della Formazione Post Laurea in medicina. Maggiore “qualità formativa centrata sui contenuti e non sulle lungaggini burocratiche; ampliamento […]