In evidenza

Per combattere le contratture muscolari tipiche del mal di schiena l’associazione di una corretta alimentazione integrata ad esercizi di ricondizionamento motorio può sortire effetti davvero stupefacenti

Quando il mal di schiena si fa sentire ma non vuoi ricorrere ai soliti farmaci, alcuni rimedi naturali esistono. L’alimentazione ad esempio gioca un ruolo fondamentale in molti processi di auto-guarigione. Per combattere le contratture muscolari tipiche del mal di schiena più frequente, utilizzare spezie come curcuma e zenzero rappresenta un’ottima soluzione.
Puoi quindi scegliere di insaporire i tuoi piatti con queste spezie orientali o in alternativa alla cucina, utilizzare i concentrati messi sul mercato da molte aziende produttrici di farmaci omeopatici. Curcuma, piperina, arnica montana ed artiglio del diavolo sono tra le sostanze più indicate nel trattamento del mal di schiena.
Da non sottovalutare il succo di aloe vera il quale permette alla mucosa intestinale un miglioramento nell’assorbimento di tutte le sostanze ingerite.
Indubbiamente però curarsi da un attacco di mal di schiena semplicemente mangiando non è facilissimo, tuttavia l’associazione di una corretta alimentazione integrata ad esercizi di ricondizionamento motorio può sortire effetti davvero stupefacenti.
Vediamo quindi i tre esercizi di questa settimana.

Esercizio 30 – La grande S

In piedi gambe divaricate, porta in alto il braccio destro con il pollice della mano orientato verso dietro. Posiziona il braccio sinistro in basso davanti al pube con il pollice orientato in avanti. A questo punto inclina il busto lateralmente verso sinistra avendo cura di spingere il braccio destro in alto ed a sinistra ed il sinistro in basso e a destra. Mantieni la posizione per 30 secondi e poi esegui dal lato opposto.
In questo esercizio i gruppi muscolari maggiormente interessati sono il gran dorsale, gli obliqui, il quadrato dei lombi, ileocostale, multifido e inervertebrali.

Esercizio 31 – Raccogli la forchetta

Da seduto/a su una sedia, senza staccare i glutei dalla seduta, inclina il busto verso destra come se volessi raccogliere una posata caduta accidentalmente a terra. Mantieni la posizione per 30 secondi, torna con calma alla posizione di partenza e poi esegui dal lato opposto.
In questo esercizio i gruppi muscolari maggiormente interessati sono gli obliqui, il quadrato dei lombi, ileocostale, multifido e inervertebrali.

Esercizio 32 – Mani in alto… di lato

In piedi a gambe divaricate, porta le mani in alto, e ruota il busto a destra ma non il bacino e le gambe. Cera di allungare le braccia più in alto possibile e mantieni la posizione per 30 secondi. Torna alla posizione di partenza ed esegui dal lato opposto.
In questo esercizio i gruppi muscolari maggiormente interessati sono il gran dorsale, il gran rotondo, il quadrato dei lombi ed i trasversi dell’addome.

Dr. Paolo Scannavini

pscannavini@gmail.com

Fisioterapista e Kinesiologo

 
Leggi anche:
DOLORE ALLA SCHIENA: LA PREVENZIONE PASSA DALLA GINNASTICA
 

marzo 17, 2019

Contratture muscolari: rimedi naturali e esercizi per il mal di schiena

Per combattere le contratture muscolari tipiche del mal di schiena l’associazione di una corretta alimentazione integrata ad esercizi di ricondizionamento motorio può sortire effetti davvero stupefacenti […]
marzo 17, 2019

Odontotecnico pratica con laurea ucraina, condannato titolare dello studio

Il dentista, reo di aver ‘prestato’ il proprio studio a un odontotecnico, dovrà risarcire una paziente e le associazioni di categoria costituitesi parte civile nel procedimento […]
marzo 17, 2019

Cambiamenti climatici, Isde: un unico Ministero Salute-Ambiente

Secondo l’Associazione dei medici per l’ambiente il nostro Paese è uno di quelli più a rischio in relazione agli effetti dei cambiamenti climatici Gli effetti dei […]
marzo 17, 2019

Liste di attesa, Anaao: rifuggere da pregiudizi e demagogia

L’Associazione dei medici e dirigenti del Ssn replica alla sfida lanciata dal Ministro della Salute relativa alla presentazione di un Piano sulle liste di attesa “In […]