In evidenza

Il lavoratore chiedeva la declaratoria di illegittimità del provvedimento disciplinare disposto dall’azienda datrice per i commenti offensivi postati dall’uomo su Facebook

Aveva pubblicato sul social network Facebook immagini e commenti offensivi nei confronti della Società datrice e dei suoi responsabili. L’uomo, licenziato per motivi disciplinari, si era rivolto alla Giustizia per ottenere la declaratoria di illegittimità del provvedimento.

La richiesta era stata respinta sia in primo grado che in appello. La Corte territoriale, in particolare, aveva ritenuto provate, a prescindere dal carattere anonimo della denuncia, le circostanze su cui era fondata la tesi della riferibilità al lavoratore dei comportamenti contestati.

La persona che si era presentata in azienda aveva segnalato e consentito di verificare la presenza sul profilo Facebook del lavoratore, cui aveva accesso in quanto “amico”, delle immagini e dei commenti poi contestati.

Nel ricorrere per cassazione, il lavoratore evidenziava come la Corte territoriale avesse disatteso la regola che onera il datore della prova della ricorrenza della giusta causa.

Il Giudice d’appello aveva infatti ritenuto irrilevante ai fini dell’assolvimento di tale onere l’identificazione del denunciante anonimo. Inoltre aveva accollato al ricorrente la prova della circoscritta potenzialità diffusiva dei “post pubblicati”.

La Suprema Corte, tuttavia, con la sentenza n. 28878/2018, ha ritenuto infondato tale motivo di impugnazione respingendo il ricorso. Per gli Ermellini l’infondatezza discendeva “dalla non ravvisabilità del denunciato malgoverno delle regole sull’onere della prova”. Il convincimento della Corte territoriale, secondo la Cassazione, era “basato su rilievi, immuni da vizi logici e giuridici e neppure fatti oggetto di specifiche censure”. Tali rilievi “assumono la prova sul punto attinta da quanto allegato e chiesto di provare dalla Società datrice a riguardo onerata”.

Da qui la decisione di confermare quanto statuito dai Giudici del merito, con condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

Leggi anche:

INSODDISFATTO DELLA PRESTAZIONE INSULTA DENTISTI SU FACEBOOK, CONDANNATO

 

novembre 14, 2018

Commenti offensivi nei confronti dell’azienda, licenziamento legittimo

Il lavoratore chiedeva la declaratoria di illegittimità del provvedimento disciplinare disposto dall’azienda datrice per i commenti offensivi postati dall’uomo su Facebook Aveva pubblicato sul social network […]
novembre 14, 2018

Morbillo, Simit: nel 2018 registrati 100 casi tra operatori sanitari

Secondo i dati diffusi dalla Società italiana malattie infettive e tropicali, 85 dei sanitari colpiti dal morbillo non erano vaccinati “Ogni caso di morbillo è potenzialmente […]
novembre 14, 2018

Tosse in età pediatrica, le indicazioni del Bambino Gesù

Dagli esperti dell’Ospedale pediatrico della Santa sede una guida per riconoscere i vari tipi di tosse nei bambini con le pratiche più utili per curarle Gli […]
novembre 14, 2018

Piani di rientro, i risultati dei tavoli di monitoraggio

Sette Regioni sottoposte alla disciplina dei Piani di rientro, di cui 4 commissariate. Per quest’ultime previste misure sanzionatorie tra  cui il divieto di effettuare spese non […]