In evidenza

Per il TAR l’irregolarità formale commessa dallo studente in occasione del test di ammissione a medicina non impediva di ricondurre l’elaborato al suo effettivo autore

Nel settembre del 2016 aveva sostenuto il test di ammissione a medicina e odontoiatria presso la Seconda Università degli Studi di Napoli. Lo studente, candidato all’iscrizione per l’anno accademico 2016/2017, aveva conseguito il punteggio di 65,20. Tuttavia, si era visto annullare la prova. Non aveva infatti sottoscritto, in calce alla scheda anagrafica, la dichiarazione di veridicità dei dati anagrafici e di corrispondenza dei codici delle etichette applicate.

Il ragazzo aveva quindi impugnato la determina, unitamente agli atti connessi, conseguenti e presupposti. Deduceva, in particolare, la violazione di legge nonché l’eccesso di potere per carenza di istruttoria, illogicità, ingiustizia manifesta.

Secondo la versione da lui fornita era stato identificato all’ingresso in aula, prima dell’inizio della prova, con verifica dei suoi dati. Sulla scheda anagrafica e sul modulo delle risposte erano state applicate due etichette col medesimo codice alfanumerico. Pertanto, a suo avviso, la mancata sottoscrizione della predetta scheda non impediva di ricondurre l’elaborato al suo effettivo autore. Non determinandosi un problema di identificazione del candidato, si era dunque in presenza di una irregolarità formale sanabile. Peraltro non c’era contestazione sui dati anagrafici.

Il TAR, con la sentenza n. 4987/2018 ha ritenuto di accogliere il ricorso in quanto fondato.

Il Tribunale ha evidenziato come sulla scheda anagrafica e sul modulo delle risposte fossero state applicate, a cura del candidato stesso, due etichette col medesimo codice alfanumerico. Di conseguenza, la mancata sottoscrizione della predetta scheda non impediva effettivamente di ricondurre l’elaborato al suo effettivo autore.

Al proposito i Giudici amministrativi hanno confermato, quindi, che il caso esaminato configurava una irregolarità formale sanabile. Da qui l’annullamento degli atti impugnati e la disposizione della compensazione delle spese di giudizio tra le parti.

 

Leggi anche:

PROVA CONCORSUALE REDATTA IN STAMPATELLO, NON VIOLA L’ANONIMATO

novembre 14, 2018

Ammissione a medicina, sanabile la mancata firma della scheda anagrafica

Per il TAR l’irregolarità formale commessa dallo studente in occasione del test di ammissione a medicina non impediva di ricondurre l’elaborato al suo effettivo autore Nel […]
novembre 14, 2018

Commenti offensivi nei confronti dell’azienda, licenziamento legittimo

Il lavoratore chiedeva la declaratoria di illegittimità del provvedimento disciplinare disposto dall’azienda datrice per i commenti offensivi postati dall’uomo su Facebook Aveva pubblicato sul social network […]
novembre 14, 2018

Morbillo, Simit: nel 2018 registrati 100 casi tra operatori sanitari

Secondo i dati diffusi dalla Società italiana malattie infettive e tropicali, 85 dei sanitari colpiti dal morbillo non erano vaccinati “Ogni caso di morbillo è potenzialmente […]
novembre 14, 2018

Tosse in età pediatrica, le indicazioni del Bambino Gesù

Dagli esperti dell’Ospedale pediatrico della Santa sede una guida per riconoscere i vari tipi di tosse nei bambini con le pratiche più utili per curarle Gli […]