In evidenza

Il Tar Campania si pronuncia contro le cause gratis degli avvocati. Nella sentenza si ribadisce il diritto, per i legali, ad ottenere un equo compenso per le loro prestazioni.

Il TAR Campania, con l’ordinanza numero 1541/2018, ha fornito dei chiarimenti importanti riguardanti le cause gratis degli avvocati, sostenendo che i legali hanno diritto, per le loro prestazioni, a un compenso che si congruo.

In tal senso, il TAR Campania si è pronunciato per la prima volta sull’applicazione della nuova legge sull’equo compenso del 2017 ai rapporti tra avvocati e pubblica amministrazione.

Con l’ordinanza i giudici hanno decretato – sebbene in via cautelare – l’illegittimità degli onorari pari a zero.

La vicenda

Nel caso di specie, hanno fatto ricorso al TAR Campania oltre cento legali contro le cause gratis.

Tutto è nato dalla fissazione di compensi in maniera del tutto contrastante con il principio di equo compenso fatta da un Comune nell’avviso di costituzione di un elenco di professionisti per il conferimento di incarichi di difesa.

Ebbene, nel bando oggetto del ricorso, veniva addirittura previsto un onorario pari a zero per il contenzioso di valore sino a 500 euro.

Il Tar Campania, dunque, ha deciso di sospendere l’efficacia dell’avviso pubblico.

Contestualmente è partito l’invito alla PA a riesaminare tale atto in attesa della trattazione di merito e, in particolare, entro 20 giorni dalla comunicazione o notificazione dell’ordinanza.

La questione relativa alla gratuità del compenso è stata infatti ritenuta lesiva per i ricorrenti.

Ciò in quanto le prescrizioni del bando li costringevano ad assumere l’impegno ad accettare condizioni economiche inadeguate.

Inoltre, secondo il Tar, deve ritenersi che “le esigenze di riequilibrio finanziario debbano armonizzarsi con altri principi fondamentali dell’azione amministrativa, tra cui quelli di ragionevolezza e di proporzionalità nonché, nella fattispecie, quello di equo compenso per le prestazioni professionali”.

Una sentenza, quella del tribunale amministrativo, che costituisce un passo in avanti molto importante verso l’equo compenso per i legali.

Hai avuto un problema simile? Scrivi per una consulenza gratuita a redazione@responsabilecivile.it o scrivi un sms, anche vocale, al numero WhatsApp 3927945623

Leggi anche:

EQUO COMPENSO MONITORATO: CNF NE VERIFICHERÀ LA CORRETTA APPLICAZIONE

novembre 6, 2018

Cause gratis per gli avvocati: arriva lo stop dal Tar Campania

Il Tar Campania si pronuncia contro le cause gratis degli avvocati. Nella sentenza si ribadisce il diritto, per i legali, ad ottenere un equo compenso per […]
novembre 5, 2018

Atto medico e danno al paziente: il nesso è quello astrattamente idoneo

La sentenza del Consigliere Scoditti (18392/2017) nulla ha cambiato in termini di ricerca del nesso causale: bisogna solo comprendere meglio la differenza tra atto medico e […]
novembre 5, 2018

Morto per una embolia non diagnosticata: chiesto maxi risarcimento

Per i medici era una sinusite, ma il paziente, 45 anni, è morto per una embolia non diagnosticata. Ora la famiglia chiede un milione di euro […]
novembre 5, 2018

Morto a 56 anni dopo due operazioni: si indaga sul decesso

Si indaga sul decesso di M.B., noto cameraman napoletano morto a 56 anni dopo due operazioni e trafile in ben 3 ospedali. Si sospetta un caso […]