Incendio all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, muore una donna

Cardiopatia congenita, intervento salvavita per bimbo libico a Milano
agosto 13, 2019
Professioni sanitarie, Istituiti Elenchi speciali per 18 categorie
agosto 14, 2019

Incendio all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, muore una donna

L’incendio si è sviluppato al terzo piano della torre 7, nel reparto di psichiatria, per cause ancora da chiarire. La Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, mentre l’Asst ha avviato un’indagine interna


Una donna è morta nell’incendio
scoppiato stamattina, poco dopo le 10, nella torre 7 dell’ospedale Papa
Giovanni XXIII di Bergamo. Le fiamme si sono sviluppate al terzo piano, nel
reparto di psichiatria, per cause ancora da accertare. 


La paziente deceduta, in base a
quanto riferisce il Giorno, si sarebbe trovata proprio nella stanza da cui ha
avuto origine il rogo. Si tratterebbe di una ventenne che era contenuta a
letto. Altre otto persone sarebbero rimaste intossicate.


Sul caso la Procura ha aperto
un’inchiesta per omicidio colposo. Il fascicolo al momento è contro ignoti. La
Direzione della struttura fa sapere di aver avviato a sua volta un’indagine
interna, offrendo massima collaborazione agli inquirenti.


“Il personale medico e infermieristico – si legge in una nota
diffusa dalla Asl – ha immediatamente evacuato 67 pazienti del reparto e di
quelli adiacenti”. I degenti sono stati trasferiti presso gli ospedali di
Treviglio e Alzano Lombardo, nella bergamasca, e a Leno, nel bresciano.


“Purtroppo – prosegue il comunicato dell’Asst – non è stato
possibile raggiungere una paziente, la cui camera di degenza è stata
completamente invasa  dal denso fumo e delle fiamme,  che si sono
sviluppate in pochi istanti. Quando i vigili del fuoco l’hanno raggiunta era
troppo tardi e hanno potuto solo constatarne il decesso”.


Gli altri pazienti, nel frattempo, sono stati trasferiti presso
gli ospedali di Treviglio e Alzano Lombardo, nella bergamasca, e a Leno, nel
bresciano.



Leggi anche:


PAZIENTE UCCISO DA UN ALTRO DEGENTE: L’UOMO ERA IN CURA PSICHIATRICA