Potenza, chiuso temporaneamente il reparto di neonatologia

Ebola: due nuovi farmaci per la cura e la prevenzione del virus
agosto 22, 2019
Sigarette elettroniche, nuove rilevazioni dagli Stati Uniti
agosto 22, 2019

Potenza, chiuso temporaneamente il reparto di neonatologia

Il San Carlo di Potenza costretto a sospendere temporaneamente il reparto di neonatologia per carenza di medici, sei su sette in malattia


“A seguito di improvvise e improvvide malattie che hanno costretto a letto sei dei sette medici”, il reparto di neonatologia dell’ospedale San Carlo di Potenza, “si è trovato totalmente privo di personale medico”.


È quanto hanno annunciato il neo presidente della Regione Basilicata Vito Bardi e l’assessore alla sanità Rocco Leone, in un comunicato reso noto lo scorso 21 agosto.


Per evitare problemi, hanno assicurato che i piccoli pazienti saranno trasferiti in strutture adeguate, al fine di tutelare la loro salute.


“Nel frattempo sono state avviate misure a supporto delle famiglie per alleviare i disagi”.


“E’ del tutto evidente – hanno aggiunto Bardi e Leone – che questa serie concatenata di eventi, imprevisti ed imprevedibili, che non ricadono nella diretta responsabilità di chi dirige l’ospedale San Carlo ha prodotto questo breve momento di crisi. C’è da dire che nel corso di questo anno la Direzione ospedaliera dell’Aor San Carlo ha fatto quanto in suo potere per eliminare la carenza di medici neonatologi che sono una branca altamente specialistica nell’ambito del reparto”.


“Il 15 settembre prossimo venturo il reparto sarà nella sua piena funzionalità. Allo stato sono state poste in essere tutte le misure per fare superare ai piccoli pazienti e alle loro famiglie questo disagio”. 


 Nel
frattempo, il Dipartimento regionale alla Sanità
ha avviato immediatamente su indicazione del presidente Bardi una commissione
di inchiesta interna per verificare tutti gli aspetti di questa vicenda.



Leggi anche:


NEONATOLOGIA, REPARTO «DECISIVO». MA TROPPI OSPEDALI NE SONO ANCORA PRIVI